SLAUGHTER, LA CITTÁ ROSSA

SLAUGHTER

“La Libertà è un errore. La Speranza un inganno. Esiste solo il vostro Compito.”
– Attribuito al Tiranno

“Sono fuggito. Non tornerò mai indietro. Mille morti saranno preferibili a un solo altro secondo alla corte del Tiranno.”
– Kristoff Duedita, schiavo fuggiasco

“Ci provassero.”
– Carter Dallas, Traumakommander, interrogato su possibili attacchi da parte di Slaughter

Slaughter, detta Città Rossa, è un Avamposto vasto e popolato di grande potere, abbastanza vicino a Rad City da essere considerato una minaccia diretta alla Città. Governato dall’apparentemente immortale Tiranno, sembra avere lo stesso scopo di Rad City ma lo persegue in un modo decisamente diverso.

ORIGINI DELLA CITTÁ ROSSA
Come molti Avamposti Stabili, Slaughter originariamente non era una vera e propria città ma una miniera di carbone. Dopo la fine del Mondo Andato, la leggenda vuole che sia stata scoperta dai Blind Dogs, uno dei primi gruppi di Cercaterra mai esistiti. Non solo la miniera era fortemente difendibile, ma anche e soprattutto piena di risorse e combustibili. Le macchine furono rimesse in funzione, garantendo calore ed energia. Attirò in breve nuove persone, uccidendo quelle pericolose ed ospitando quelle utili. Prebellici, Mutanti, Divorati… tutti giunsero a Slaughter. In un primo tempo, la città prosperò normalmente. Poi avvenne un cambiamento.

IL COMPITO
Ad un certo punto, il gestore della città, che un tempo aveva guidato i Blind Dogs, decise che avrebbe reso questo posto la pietra su cui fondare la nuova umanità. Alla guida dei suoi Cercaterra, portò tutti i cittadini nella piazza principale e diede loro una scelta: unirsi alla sua nuova utopia o andarsene. Quasi tutti accettarono. Perchè non avrebbero dovuto farlo? Finora era andato tutto bene, non c’era ragione per pensare che qualunque cambiamento quel grandioso leader avesse deciso di applicare non avrebbe migliorato le cose. In pochi levarono le tende, intuendo che c’era sotto qualcosa di più grande che un semplice cambio di procedure. Non immaginavano quanto avessero ragione.

Da un giorno all’altro, fu vietata l’appartenenza alle Fazioni. Tutti i simboli dovevano essere bruciati e dimenticati. Guai a chi ne avesse parlato, o peggio pregato la Santa o le Fiamme. Inoltre, nessuno aveva più diritto a un nome. Uno ad uno gli abitanti dell’Avamposto ricevettero un tatuaggio numerato, il loro nuovo appellativo. Questi numeri erano apparentemente casuali e non sequenziali, e venivano impressi su parti del corpo variabili. Dopodichè, furono assegnati i Compiti. Ogni uomo o donna fu istruito in un singolo lavoro, spesso orribilmente ripetitivo, come operare una macchina o pulire un vetro. Avrebbe dovuto fare quello, per tutta la vita. Senza nessuna alternativa. In cambio, la città provvedeva con due pasti al giorno e sicurezza. Quello che era un Avamposto pieno di vita si trasformò nel giro di pochi mesi in una prigione distopica, dove le emozioni erano soffocate e solo il lavoro aveva importanza. Nessuna distrazione. Nessuna opinione. Molti provarono a ribellarsi, solo per venire uccisi senza pietà. La maggior parte decise che rinunciare alla libertà non era male, in cambio di cibo e letti caldi. Iniziò una nuova vita, e il nome della città venne scordato per dare vita a un nome molto più minaccioso: era nata Slaughter.

IL RACCOLTO DEL TIRANNO
Per quanto i metodi fossero disumani, nessuno poteva dubitare dell’incredibile efficienza e produzione di Slaughter. Armi, munizioni, cibo, soldati. Nessun Avamposto poteva minimamente essere considerato pari come potenza e risorse. Nel corso di una decina d’anni, era diventata una città inespugnabile e fortificata, dove nessuno entrava senza un permesso e nessuno usciva se non con la benedizione del rinominato Tiranno. Iniziarono a girare voci su quest’ultimo, che sembrava sempre giovane e forte come il primo giorno. Possibile che su di lui il clima radioattivo non avesse nessun effetto? La sua salute era dovuta a qualche trucco, o forse esisteva più di un Tiranno e continuavano a passarsi il testimone? Col passare del tempo, sembrava che non ci fosse nessun nemico in grado di sovrastare per fama e potenza Slaughter. Ma poi venne Rad City.

LA STORIA DI DUE CITTÁ
Rad City era ancora piccola e relativamente spopolata in confronto al colosso rivale, ma aveva qualcosa di unico: i Trauma Korps. Persino il Tiranno non osava sfidare i più grandi soldati del Dopomondo, nonostante i suoi Mastini fossero noti per essere soldati parimenti formidabili. Alcuni dicono che ci siano accordi di non belligeranza fra il Sindaco e il Tiranno, pronti a saltare nel momento che uno dei due leader dovesse cogliere debolezza nell’altro. Molti sostengono che la suddetta tregua sia in larga parte dovuta alla vicinanza della Pace della Iena, con cui Slaughter ha già avuto numerosi scontri, e che quindi la presenza di un terzo avversario possa essere utilizzato come deterrente. Altri sostengono che Moses e il Tiranno siano la stessa persona, ma sono considerati degli idioti paranoici. Ora che le porte di Rad City si aprono, chi può dire cosa intenda fare il popolo della Città Rossa?

SLAUGHTER OGGI
La maggior parte della popolazione della Città Rossa consiste negli schiavi numerati, che svolgono il loro lavoro perenne in attesa di una morte sicura e spesso violenta. Solo all’interno del palazzo del Tiranno la vita è migliore: all’interno delle mura cremisi ha sede la corte cittadina, nota come “Cimitero dei Cuccioli”. Qui, amanti e guardie del corpo del Tiranno conducono una vita nel lusso e nella sicurezza. Fra loro sono noti i guerrieri d’Elite chiamati Mastini del Tiranno, che alcuni sostengono possano rivaleggiare coi Trauma Korps. Talvolta dal palazzo si ode una musica sinistra ma armoniosa, come proveniente da un organo di dimensioni inusitate. Ma chi possa averlo creato, e come venga manovrato, è un mistero.

SLAUGHTER E I PG
Potete far si che il vostro PG venga da Slaughter, come schiavo fuggiasco o servo del Tiranno in missione. Non sarà un’impresa facile, ma può garantirvi grandi spunti di gioco. Ricordate che per voi la vita umana è veramente senza importanza, ma il vostro Compito… è tutto.