IL CULTO DI SANTA CURIE

“Ci furono i segni. Voi non li avete colti. Chernobyl il primo. Fukushima il secondo. Nomi incisi nella leggenda, sopravvissuti al logorio degli anni. Ma prima ancora, ci fu lei. La nostra Signora, la Madre del Bario, la Martire dell’Umanità. A lei rivolgiamo le nostre preghiere ogni giorno”
— Nicolaj Saigashi, Aspersor del Culto

“Ricevi il dono del Bacio Gamma. Non rifiutarlo. I tuoi figli saranno benedetti e ripopoleranno questa terra. Noi portiamo con orgoglio il nostro Marchio, perchè la sua vista è gradita alla nostra signora e rinasciamo nel Suo nome”
— Pontifex Saori Romanova

“Ci pagherai i tributi che ci devi. Perchè? perchè solo così la tua anima potrà essere salvata. In caso contrario, non rimarrà nulla di te alla tua morte, solo cenere radioattiva e nulla più. Tu meriti meglio. Meriti il Paradiso Gamma.
Quindi paga.”
— Andrej Sakurashi, Executor del Culto

Instancabili missionari e prolissi predicatori, i membri del Culto sono una visione comune in tutti gli Avamposti. Predicano l’amore per le radiazioni e ciò che hanno prodotto, non rifiutando il costante aumento di mutanti come una piaga da sterminare ma come il nuovo da abbracciare.
Organizzati, equipaggiati e motivati oltre ogni dire, spesso occupano luoghi di potere e sono temuti e venerati in ugual misura: fra tutte le zoppicanti e assurde religioni del Dopomondo si sono imposti come la più numerosa, grazie alla presa su disperati e mutanti.

NOMI: Santificati, Preti delle Radiazioni, Madri del Bario, Baciamostri (dispregiativo).

DESCRIZIONE
Tre cose sopravvivono a un olocausto nucleare: gli scarafaggi, i biscotti industriali e la religione. Devastata, storpiata, maledetta, ma sopravvive.
Negli anni di dissoluzione e distruzione dopo l’Ultima Guerra, molti culti sono nati, e alcune delle vecchie religioni hanno rivisto periodi di gloria. Culti guerrieri come i miti ellenici e vichinghi erano adatti al nuovo clima di guerra e disperazione, mentre religioni più miti venivano dimenticate.
Ma nell’oscurità, passata di voce in voce, distribuita da una mano scorticata dalle radiazioni all’altra, iniziava già a diffondersi una nuova fede: qualcuno, si diceva, aveva previsto tutto. Una donna era morta per i nostri peccati, dicevano. Tanto tempo fa. Lei scoprì per prima il grande potere del Gamma, lei lo donò all’uomo sacrificando la sua stessa vita.
Alla sua morte ci furono due Avventi, ad annunciare la fine del Mondo: Chernobyl e Fukushima, le prime note della canzone che avrebbe ricreato il mondo. Poi, l’Avvento Gamma vero e proprio, che avrebbe benedetto la Terra col dono della Radiazione.
Il nome di questa donna era Marie Curie. La storia l’avrebbe ricordata come Santa Curie.
Come con ogni religione, i primi adepti furono i poveri e gli indifesi, che trovarono finalmente un motivo nella loro mutilazione: orde di mutanti e malati si unirono, forti della loro incrollabile fede, e riuscirono a ribellarsi dai loro numericamente inferiori aguzzini. Il popolo crebbe, la fede si diffuse. I Profeti predicarono la fede di Santa Curie e presto nelle Vastità si cominciarono a erigere veri e propri luoghi di culto e baraccopoli di disperati. Una nuova fede era nata, una fede solida e splendente.

IDEALI
“Non devi temerci, eretico. Non abbiamo fretta. Presto o tardi, tu e il tuo seme morirete da soli e i Figli del Bario regneranno. Fino ad allora, perchè non collaborare? Forse la Santa vedrà i vostri sforzi e vi ricompenserà, nel Paradiso Gamma.”
— Pontifex Crisadora Fuyutsuki

“Non sai per quanto tempo ho temuto il mio stesso corpo. Il mio sesto dito, l’orribile escrescenza sul mio volto… mi rendevano furioso, e arrabbiato senza una ragione. Poi il Culto mi ha rivelato che è tutto un piano della Santa. Lei ci ama per come siamo. Da allora uccido quanto prima, ma offro a lei le vite che prendo!”
— Grixis dei Cani di Matiz. Rinato nella Santa.

La ragione d’essere del Culto è diffondere radiazioni e mutazioni e proteggere chi già ne è stato benedetto. Al tempo stesso sanno che non possono compiere azioni troppo estreme, come avvelenare interi Avamposti, perchè porterebbe alla loro persecuzione, quindi agiscono con la persuasione: i mutanti saranno portati nella morte nel verde Paradiso Gamma, dove vivranno in abbondanza e pace: in un mondo disperato come questo, una qualunque speranza di redenzione e fede è meglio di niente.
É importante notare come i Santificati non parlino mai di un Dio, ma solo della Santa. Spesso si rivolgono a Marie Curie solo come “Lei”.

ORGANIZZAZIONE
La barcollante e delirante chiesa di Santa Curie è principalmente matriarcale, ma anche i maschi possono ambire a posizioni di potere, soprattutto militare.

FEDELI: I Fedeli credono a Santa Curie e ne sussurrano il nome nelle loro preghiere. Una stragrande maggioranza di sopravvissuti al Dopomondo accetta la Santa come un dato di fatto: in fondo, al contrario di molte altre religioni, possono vederne l’operato nella vita di tutti i giorni, nelle mostruose mutazioni e nella devastazione della Terra. CHi potrebbe aver ridotto il mondo in questo stato, se non un atto divino?
Di conseguenza, è molto comune sentire imprecazioni come “Per la Santa!” o “Curie ci protegga!” anche da membri di fazioni totalmente slegate al culto.

RINATI: i membri più bassi del Culto, spesso semplice carne da cannone per le continue guerre sante. Non hanno nessun potere ufficiale, se non la convinzione di essere benedetti.

EXECUTOR: il braccio armato dei Santificati. Include molti Mutanti e uomini di basso intelletto, oltre a ufficiali con piu astuzia che li governano. Sono armati molto bene per la media, con Shocker di qualità, armi resistenti e spesso una qualche armatura di sorta col Fiore della Santa in bella vista.

ASPERSOR: I predicatori che portano la parola della Santa nelle Vastità. Sono in genere il primo contatto che un Avamposto ha con il Culto, e girano spesso con una nutrita scorta di Executor. Abili tanto con le armi quanto con le parole, sono la forza reclutatrice che ha reso Santa Curie la massima venerazione del Dopomondo.

PONTIFEX: Quasi unicamente donne, figure autoritarie rappresentano tutto ciò in cui il Culto crede. Sono spesso mutate in maniera più o meno orribile, e vestono strani pastrani a metà fra kimono e abiti pesanti invernali, ispirati dalle poche e frammentarie notizie che rimangono su Fukushima e Chernobyl. Benedicono i fedeli tramite il Bacio Gamma, appoggiando le loro labbra radioattive e verdastre sulla loro fronte.

PONTIFEX MAXIMAE: La più grande autorità del Culto, un ruolo quasi leggendario. Si dice che esistano due Pontifex Maximae, e che risiedano in due centrali nucleari distrutte insieme a legioni di fedeli, dove il livello di radiazioni è talmente alto da scorticare vivo un uomo comune.

I riti del Culto ricordano per molti versi quelli cristiani del Mondo Andato: i fedeli partecipano a Comunioni dove ingeriscono ostie benedette dalle radiazioni, o confessano i loro peccati agli Aspersor per riceverne il perdono. Questi riti comunitari sono vitali per dare ai Santificati una sembianza di comunità e unione ed influenzano pesantemente anche le altre Fazioni che li vedono uniti e motivati.

RAPPORTO CON GLI ALTRI
Il Culto riceve e assiste chiunque non gli sia apertamente ostile, nel tentativo di portarli dalla propria parte grazie a dimostrazioni di generosità e potere. Inutile dire che, in un’epoca disperata come questa, un piatto di zuppa può facilmente garantire un nuovo amico.
Un membro di una differente fazione può comunque credere nel potere della Santa, pur restando fedele ai suoi principi e alla sua famiglia. Il Serraglio e le Spose vedono in Santa Curie una salvatrice o un esempio, mentre alcune sottosezioni della Rapsodia dedicano a lei intere composizioni. Ovviamente altri gruppi sono apertamente ostili agli ideali dei Santificati, come i Prebellici e i loro nemici giurati, la Chiesa dell’Autocombustione.
Al contrario di questi ultimi, il Culto non ha molto interesse nel commercio, vivendo delle innumerevoli offerte che i fedeli fanno spontaneamente o dei tributi che raccolgono gli Aspersor.

SIMBOLO: Il simbolo del materiale radiattivo fatto di petali.

ARCHETIPI: Predicatori mutati, Suore Armate, Chierici Nucleari, Adoratori dell’Apocalisse

VISTI DA FUORI:
“Sono ovunque, e aumentano ogni giorno. Certo, dicono di essere buoni e caritatevoli, ma sai che c’è? Se un giorno decidono di organizzarsi e farci tutti fuori… chi li ferma?”
— Bant, dei Prebellici

“La nostra nemesi. Per uno che ne curiamo, loro ne infettano dieci. Il peggior ostacolo che potessimo avere per raggiungere il SanoDomani. Raccomando di avvicinarli solo muniti di maschera antigas e di evitare ogni contatto fisico.”
— Sottodottore Frikk, del Gulag della Disperazione.

“Belli e bravi. Mi sfamare ogni volta e dare carezze. Me non scorda, sai? Me combatte per Santa, se lei chiedere!”
— Ultimo, membro del Festival.


“Lei ci vuole Radioattivi”.
(Mantra del Culto)